Telefono Icona telefono

Onde d’urto | Fisio Salute Como

Le onde d’urto rappresentano una delle opportunità terapeutiche per la risoluzione di alcune problematiche muscolo-tendinee.


Ti sarà capitato di certo di sentire parlare di questa terapia, che presenta pro e contro.

In questo articolo, voglio analizzare l’utilità delle onde d’urto, spiegandoti chiaramente per cosa possono essere utili e quando non vanno assolutamente fatte.

Cosa sono le onde d’urto?

Le onde d’urto sono onde acustiche, emesse da uno strumento attraverso una testina, e propagate attraverso un gel di conduzione nei nostri tessuti.

Attraverso il manipolo, il macchinario emette a ciclo continuo una serie di onde d’urto, che “martellano” i tessuti in maniera mirata e specifica, generando una risposta a livello dei tessuti del nostro corpo.

Onde d'urto martello
Fortunatamente non c’è bisogno di utilizzare martello e chiodi: grazie alle onde d’urto, possiamo risolvere il tuo problema in maniera più efficace!

L’azione delle onde d’urto sui tessuti e sulle ossa

Ma cosa succede al nostro corpo quando viene sottoposto ad una seduta di onde d’urto?

Questo è uno dei quesiti che mi vengono posti più spesso dai pazienti che arrivano con una prescrizione di quel tipo di terapia.

La risposta è che, stando agli ultimi studi scientifici, si pensa che le onde d’urto favoriscano la sintesi del collagene, che è la proteina più abbondante nel nostro corpo, deputata al benessere delle ossa e delle articolazioni.

Oltre a questo, le onde d’urto dovrebbero aiutare il sistema di congiunzione tra tendine ed osso a rivascolarizzare, cioè ad avere più sangue al suo interno. 

Quali patologie curano le onde d’urto?

Ad oggi ci sono molte patologie che possono essere curate con le onde d’urto. 

Tra poco ti farò una precisazione fondamentale circa questa affermazione, ma ora lascia che elenchi le principali condizioni cliniche in cui vengono applicate le onde d’urto in fisioterapia.

  • problematiche dei tendini del gomito. Parliamo di epicondilite ed epitrocleite, dette anche rispettivamente “gomito del tennista” e “gomito del golfista”, per il tipo di sport che sollecita particolarmente una zona piuttosto che l’altra nel gomito. 
  • dolore anteriore di ginocchio. Hai mai sentito parlare del ginocchio del saltatore, o “jumper’s knee”? Si tratta di una infiammazione del tendine rotuleo (famoso per essere il tendine che si ruppe Ronaldo nel 2000… ricordi quel momento drammatico?)
  • dolore sotto il piede. Tipico è il dolore da fascite plantare, che è diffuso dal tallone fino alla parte anteriore del piede. Questo dolore si manifesta soprattutto durante i primi passi al mattino o dopo essere stato a lungo fermi. 

patologie dei tendini della spalla. Il più comunemente interessato è il tendine del muscolo sovraspinoso, che per la sua conformazione e localizzazione, spesso va incontro a microlesioni e sofferenze.

Un video toccante sulla lesione del tendine rotuleo in uno dei più grandi atleti della storia del calcio. (guarda al minuto 1:24)

Onde d’urto e… fisioterapia, con FisioXpericence

La precisazione, doverosa, è che le onde d’urto, da sole, quasi mai sono risolutive per la problematica.


Infatti, è sempre utile abbinarle ad un programma fisioterapico che possa comprendere, quando necessario, terapia manuale ed esercizio terapeutico.

In questo modo, all’azione benefica della terapia fisica (l’onda d’urto, appunto) si abbina il ripristino della funzione motoria, o il miglioramento degli schemi di movimento della persona. 

Situazioni che in molti casi sono la causa del problema e del dolore.

Solo così, con un programma combinato di onde d’urto e di fisioterapia, puoi ritornare ad essere libero dal dolore e pienamente performante. 
Nei nostri centri di Fisioterapia, in Italia ed in Svizzera, lavoriamo con il Metodo FisioXperience, un programma che partendo da una prima valutazione gratuita, ti permette di superare le tue problematiche fisiche rapidamente.

Se non ci conosci ancora, chiamaci per una valutazione gratuita: conoscerci non costa niente!

Grazie a FisioXperience eliminerai il dolore, in fretta.

Controindicazioni e rischi delle onde d’urto

Dopo aver visto le principali condizioni cliniche che possono trarre giovamento dalla terapia a onde d’urto, e dopo averti spiegato come l’integrazione con un programma mirato e personalizzato di fisioterapia possa essere fondamentale, ti devo mettere in guardia rispetto alle controindicazioni.

Infatti, essendo una terapia elettromedicale, anche questa presenta delle situazioni in cui è meglio non agire con le onde d’urto.

  • stato di gravidanza
  • persone che assumono farmaci anticoagulanti, come l’eparina. Questo è per il rischio di creare emorragie interne.
  • pazienti che sono portatori di pacemaker 
  • patologie tumorali attive

Inoltre, è bene non eseguire le onde d’urto in prossimità degli organi interni cavi (cuore, polmoni, intestino) o della testa.

Sarà il fisioterapista ad assicurarsi, attraverso un’accurata valutazione iniziale, se puoi o non puoi essere sottoposto ad una seduta di onde d’urto.

Come si svolge una seduta di onde d’urto?

La seduta di onde d’urto si svolge in 3 fasi.

Nella prima, il fisioterapista individua la zona da trattare (tendine, muscolo o legamento) attraverso valutazioni manuali e test ortopedici.

Nella seconda fase, l’area che andrà trattata viene cosparsa da un sottile strato di gel neutro (quello che si usa per fare gli ultrasuoni e le ecografie, per intenderci). Questo permette la propagazione dell’onda sonora dal manipolo ai tessuti del corpo.

La terza fase è quella vera e propria di terapia: il fisioterapista appoggia il manipolo che  emette le onde d’urto e aziona la macchina, che inizia a “martellare” i colpi impostati.

Il numero di colpi da erogare (e quindi la durata della singola sessione) varia in base al quadro clinico ed alla zona da trattare; sarà il fisioterapista a valutare quale sia la soluzione migliore.

Devo segnalare che la terapia fatta con le onde d’urto non è particolarmente piacevole, anzi in alcune persone può provocare dolore. Questo è di solito ben tollerato (data anche la brevità della seduta) e generalmente scompare dopo pochi minuti dalla fine del trattamento.
Da ultimo, un accenno sul costo delle onde d’urto. Normalmente i prezzi vanno dalle 50 alle 80 euro per seduta, ma questo dipende molto dal centro a cui fai riferimento.

Onde d'urto spalla
Oltre al trattamento con le onde d’urto, è importante lavorare manualmente sulla spalla per farla tornare al 100% delle proprie possibilità

Conclusioni

In questo articolo hai potuto apprendere il necessario per capire cosa siano le onde d’urto e quali vantaggi terapeutici possano dare per alcune patologie di tipo muscolo-tendineo.

Ti ricordo che quasi mai le onde d’urto rappresentano una soluzione completa. Infatti, è sempre bene abbinarle ad un programma fisioterapico personalizzato sulla base delle tue esigenze e del tuo problema.

Per questo, puoi rivolgerti a Fisio Salute, che attraverso il Metodo FisioXperience ti porterà alla miglior condizione possibile in fretta ed in maniera duratura.

Puoi contattarci per una prima valutazione fisioterapica: grazie a FisioXperience, è gratuita!

Ti aspettiamo!

Bibliografia

  1. Complications of extracorporeal shockwave therapy in plantar fasciitis: Systematic review.

Roerdink RL, Dietvorst M, van der Zwaard B, van der Worp H, Zwerver J.

Int J Surg. 2017 Oct;46:133-145. doi: 10.1016/j.ijsu.2017.08.587. Epub 2017 Sep 7.

PMID: 28890412 Free article. Review.

  1. Effectiveness of extra-corporeal shock wave therapy (ESWT) vs methylprednisolone injections in plantar fasciitis.

Mishra BN, Poudel RR, Banskota B, Shrestha BK, Banskota AK.

J Clin Orthop Trauma. 2019 Mar-Apr;10(2):401-405. doi: 10.1016/j.jcot.2018.02.011. Epub 2018 Feb 23.

PMID: 30828215 Free PMC article.

  1. A comparative study of the efficacy of ultrasonics and extracorporeal shock wave in the treatment of tennis elbow: a meta-analysis of randomized controlled trials.

Yan C, Xiong Y, Chen L, Endo Y, Hu L, Liu M, Liu J, Xue H, Abududilibaier A, Mi B, Liu G.

J Orthop Surg Res. 2019 Aug 6;14(1):248. doi: 10.1186/s13018-019-1290-y.

PMID: 31387611 Free PMC article. Review.

  1. Extracorporeal shockwave therapy in musculoskeletal disorders.

Wang CJ.

J Orthop Surg Res. 2012 Mar 20;7:11. doi: 10.1186/1749-799X-7-11.

PMID: 22433113 Free PMC article. Review.

  1. Can extracorporeal shock-wave therapy be used for the management of lateral elbow tendinopathy?

Stasinopoulos D.

World J Methodol. 2018 Nov 29;8(3):37-39. doi: 10.5662/wjm.v8.i3.37. eCollection 2018 Nov 29.

PMID: 30519537 Free PMC article.

Immagine predefinita
Agnese Faini
Appassionata di sport a 360 gradi (runner e triatleta a livello agonistico) ha fatto della sua passione il suo lavoro, indirizzando i successivi corsi di formazione verso l’ambito sportivo. In particolar modo sulle tematiche di: Lesioni muscolari e tendinee nel paziente sportivo (dall’infortunio al ritorno in campo); allenamento riabilitativo, esercizio attivo dosato sul paziente; prevenzione e Infortuni nel runner; Clinical Pilates – la pratica del Pilates associata a comuni disturbi della colonna vertebrale
Articoli: 5

Lascia un commento

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione. Cliccando su “Accetto”, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy

Sede di Como
Sede di Chiasso NEW